Il Suono dell’Invisibile: tempo e spazio nella musica di Keith Jarrett

Marcello De Masi - Barletta 2014

Un breve viaggio attraverso pensieri di poeti, fotografi, cineasti e musicisti per parlare d’arte.

 

Perché a parlare di musica è un autore e studioso di fotografia e cinema? Forse il tentativo è quello di stimolare l’interdisciplinarità, di sondare la poesia come forma di espressione ma anche come sguardo sul mondo, cercare il legame della scienza e della tecnica con la trascendenza e i moti dell’animo e della mente, trovare i nessi e i paragoni tra il respiro di un pianista e il respiro di un fotografo o di un cineasta. E in tutto questo provare a capire come l’essere e l’esserci nell’istante e nel luogo che ci è dato di vivere incide la creazione.

 

Qual’è il rapporto tra immagine visiva e immagine musicale? Esiste un immagine musicale?

 

“Non prendere immagini        sii

Non dare                                     sii

Non fare                                      sii

Non conoscere                          sii immagine

Conta le inspirazioni

Conta le espirazioni

Conta il nulla

Sii respiro”

                                                                                        (Minor White) 

 

 

Marcello De Masi è nato a Napoli il 5 Maggio 1987. Si trasferisce a Milano all’età di 19 anni, dove poi conseguirà la Laurea Magistrale in Televisione, Cinema e New Media presso l’Università IULM di Milano, con una tesi, seguita dal Professor Giovanni Chiaramonte, intitolata “La Fotografia italiana e la Triennale”: un personale viaggio tra fotografia, cinema e architettura.  Attualmente è l’assistente di Giovanni Chiaramonte in tutte le sue attività di fotografo e didattiche; con lui si occupa di docenza presso l’Università IULM di Milano nello stesso corso di Laurea Magistrale frequentato e al Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna. Pubblica in riviste, libri e mostre i propri scritti e le proprie immagini. Porta avanti progetti personali e collettivi principalmente nel campo del cinema e della fotografia, ma che coinvolgono altre forme espressive ed artistiche.

Lascia un commento